venerdì 18 novembre 2016

[ANALYSIS] ISIS in Sirte: From Caliphate to Insurgency

I report here an article of mine that was published on November 18 in MENASource, a blog of the Atlantic Council's Rafik Hariri Center for the Middle East.




With the Libyan city of Sirte almost completely liberated from the Islamic State, the group appears to be adapting rather than collapsing. Despite a significant decline in interactions with outsiders, recent statements by ISIS leaders and the tactics used in its fight in Sirte point to how it might deal with the aftermath. In its fight for survival, the Islamic State is adopting a low profile and building a network of itinerant, covert cells. 

In an audio statement released on November 2, Islamic State leader Abu Bakr al-Baghdadi conceded that joining the group in Syria is now tougher than in the past. Yet, by contrast, he reassured his supporters that the hijra (migration) routes leading to Libya are still easily accessible. Far from being trivial, this message should be taken as an indicator of renewed confidence in the group’s durability there.

The Islamic State is having a hard time in Libya, though. Unlike Syria and Iraq, where the group’s presence is mostly contiguous (albeit with important exceptions), in Libya the Islamic State is a segmented entity. Ideally, it divided the entire country into three administrative divisions (wilayah): Barqah in the East, Tarabulus in the North-West, and Fezzan in the South-West. But in reality, the territorial supremacy of Wilayah Barqah and Wilayah Tarabulus is currently limited to small areas of Benghazi and Sirte, respectively. As to Wilayah Fezzan, it never exercised territorial control. However, roving units and undercover clusters are still active in both Wilayah Fezzan and Tarabulus, and they’re shaping the future of the group.

Early this year, the Islamic State had a firm grip on a coastal strip on either side of Sirte, at a time when Libya represented a realistic fallback option for the Islamic State as a transnational organization. But serious territorial setbacks suffered in Libya in recent months make Baghdadi’s latest call unexpected. Al-Bunyan al-Marsous, forces affiliated with the Libyan Government of National Accord and backed by US air support, have degraded the largest group of Islamic State fighters present in the country and trapped them in a small area of Sirte’s Giza Bahriyya neighborhood. Still, the loss of Sirte is not the end of the Islamic State’s Libyan ambitions.

Six days before Baghdadi’s audio release, the group published the fifty-second issue of its weekly bulletin al-Naba, which included an interview with the governor of Wilayah Tarabulus, Abu Hudhaifah al-Muhajir. In the interview, he claimed the group continues to attract stable inflows of foreign fighters and repeatedly mentioned the presence of Islamic State battalions scattered in Libya’s desert. He also claimed these battalions are partly responsible for the slow course of the battle for Sirte (which began in May). Indeed, since August, al-Bunyan al-Marsous suffered several attacks on their rear lines carried out by militants coming from the South and West. The Islamic State also relied on external cells to plant IEDson al-Bunyan al-Marsous’ supply line and sleeper operatives are threatening the highway between Sirte and Misrata on a regular basis.

Al-Muhajir maintained that these desert battalions (Saraya al-Sahra) are newly established, mainly composed of foreigners and ready to gain ground. However, the Islamic State is not new to this part of Libya, and the battalions may rely on a pre-existing network. For instance, a video published in April 2015 shows militants from Wilayah Fezzan executing a group of Ethiopian Christians. Fighters from the same Wilayah also claimed an attack in the area of Sawknah (in central Libya) in March 2015, naming the operation after their previous leader, Abu Uthman al-Ansari.

In addition to al-Muhajir’s assertions, in late August the Emir (or chief) of the Islamic State in Benghazi, Abu Mus‘ab al-Farouq delivered a short messageconcerning the ongoing reorganization of the group in an area not far from Sirte. There, he claimed, the leaders of Wilayah Tarabulus who fled Sirte were safe and injecting new life into the group’s cause. Such a project of recovery seems to be underway and possibly sponsored by the central Islamic State.

With several prominent figures of the organization killed in Sirte (including the former governor of Wilayah Barqah Abu Ibrahim al-Warfalli, preacher Hassan al-Karamy and shari’a official Waleed al-Farjani), fresh leaders have been appointed. Al-Muhajir for example says he took office after his predecessor blew himself up three months ago. More notably, according to security sources in Tripoli, in late September al-Baghdadi selected Jalal al-Din al-Tunsi, a commander who appeared in a well-known video celebrating the breached border between Iraq and Syria, as the new head of the Libyan branch. No official statements have been made in regard to this so far though.

Despite the desert battalions’ territorial aims, as professed by al-Muhajir, this new network of Islamic State units is likely to keep a low profile and avoid permanent ground control. A safe haven in mid-western, inland Libya could be instrumental to conducting intermittent attacks in Tripolitania’s coastal cities. Tripoli and Misrata might represent favorite targets due to their political and institutional meaning. In this context, Bani Walid (80 miles South-West of Misrata, 120 miles South-East of Tripoli) is particularly significant as a logistical base, since a number of militants who fled Sirte took shelter there. Also, the confessions of a captured militantreveal that the former leader of Wilayah Tarabulus, Ahmad Salah al-Hammali, was based in the town. Most likely, Bani Walid is the place the Emir of Benghazi referred to in his message.

Alternatively, the Islamic State could opt for an insurgency in the Fezzan region, as southern oil infrastructures would be the ideal target to damage Libya’s finances. The group could exploit Fezzan’s institutional vacuum to establish checkpoints and secure its facilities. Indeed, on November 16, Islamic State’s A‘maq agency released a video showing militants operating a checkpoint believed to be somewhere South of Sirte. 

Along with Sirte, Benghazi is the only area where a standing concentration of Islamic State militants continues a ruinous, territorial resistance. The local cell is significant as it might pave the way for different islamist groups to operate alongside each other with limited conflict. In the district of Ganfouda, for example, the Islamic State coexists with an islamist coalition with ties to al-Qaeda known as the Shura Council of Benghazi’s Revolutionaries. The two sides are currently cooperating in the fight against Operation Dignity forces.

What is now just a local, tactical relationship based on mutual non-aggression might conveniently become a broader practice. Indeed, if Libya is to achieve better stability, different Islamist groups might find it beneficial to cooperate and share their assets. After all, Libya’s controversial Mufti Sadiq al-Gharyani, who is also recognized as a spiritual guide by the local al-Qaeda milieu, has long called on Libyan islamist factions to close ranks and battle the governments’ forces. The continued existence of the new, covert Islamic State would therefore profit from its harmony with the regional militant-salafi landscape.

Similarly, the group cannot afford a decline in recruits, as revealed by Baghdadi’s and al-Muhajir’s statements. In this regard, the Libyan Islamic State has lately been relying on a number of informal outlets (mostly in the form of Telegram channels) for its propaganda needs. Despite being run by supporters, some of those outlets—namely Libya wa Izza al-Khilafa, Tashlita, Thaloub Benghazi—have sound technical capabilities and show an intimacy with the group’s affairs. Over the last year, they have been responsible for massive recruitment campaigns, the most prolific of them (al-Nafir ila Libia, “mobilization to Libya”) being focused on the Sahel. As the official propaganda output of the group almost declined to zero since September, the performance of auxiliary outlets will play an important part in fueling recruitment.

Although Sirte’s liberation is a major achievement in improving Libya’s security, the local Islamic State is still far from eradication. The group is undergoing a process of adaptation aimed at retaining a viable base in the country. In the few months ahead, the Libyan Islamic State is most likely to resemble an insurgent network, possibly reaching compromises so as to coexist with local organizations and media capabilities. All in all, resilience to traumatic events is among the main assets of the group. Therefore, Libyan institutions should pay close attention. 

martedì 19 luglio 2016

[ANALISI] Perchè l'Islam non è il nemico. Riconoscere la pluralità per fermare la paura.

Ripropongo qui un pezzo pubblicato per ISPI in data 18 luglio 2016.



Perché l’Islam non è il nemico.
Riconoscere la pluralità per fermare la paura.

Amir al-Umara’ significa il comandante dei comandanti, o più semplicemente il comandante supremo: è la formula con cui veniva definito l’uomo più potente dell’Impero musulmano alla fine del primo millennio. Era un periodo di forte frammentazione politica, a guidare le redini della corte imperiale l’avventuriero militare di turno, colui che riusciva a imporsi sul resto della casta e dei notabili delle dinastie locali.

Vi era un tempo in cui le civiltà semitiche non conoscevano estremismo neppure a livello grammaticale, la forma superlativa espressa  dalla subordinazione della pluralità verso un singolo. Modello dei modelli, quello dell’Amir al-Umara’ è sopravvissuto sino ad oggi e ci aiuta a comprendere il tentativo dello Stato Islamico di emergere non solo dal resto della scena jihadista transnazionale, ma di divenire la voce solista nel coro dell’Islam contemporaneo.

Esistono gruppi armati e idee armate. Fra le seconde è la finzione jihadista di negare l’esistenza di pluralismo nel Medio Oriente, di (ri-)attivare una identità religiosa per lo più fittizia nel tentativo di amalgamare tradizioni islamiche assai diverse fra loro. Campione di questa narrazione è lo Stato Islamico, che la concretizza tramite la delegittimazione di pratiche ad esso estranee e il tentativo di annientare il consenso musulmano verso altre organizzazioni, in primo luogo i rivali qaidisti. Per intenderci, se dovesse scegliere una frase di presentazione, Abu Bakr al-Baghdadi non direbbe mai “morte ai miscredenti”, ma “noi siamo l’Islam, rappresentiamo la Sunna (tradizione)”.

Paradossalmente, accade in questi giorni che una buona fetta di opinione pubblica e, in maniera più allarmante, di pensatori e politici, si schieri contro lo Stato Islamico pur sposandone la retorica. Infatti è ormai facile sentir dire che il nemico è l’Islam, parole un tempo smistate fra intimi sussurri, oggi pronunciate con arroganza di verità celata. Eguagliare Islam e jihadismo è non solo operazione per lo più errata, ma nella maggior parte dei casi dannosa. Significa ampliare all’intero spettro storico dell’Islam il campo di esistenza dell’identità fra i due termini, mossa che combacia con il nichilismo confessionale dello Stato Islamico. In parole semplici, ricondurre le recenti azioni terroristiche all’Islam tout court è un autogol clamoroso perché significa confermare la pretesa di rappresentanza universale dello Stato Islamico (e, in maniera minore, di altri gruppi simili).

Chiaramente, non si tratta qui di fare buonismo e spiegare che invece esistono i musulmani perbene, né di illustrare come migliaia di loro contribuiscano al fabbisogno economico e demografico d’Europa. È evidente che il tempo dei grafici, degli intellettuali e dei distinguo è passato: l’idea che l’Islam abbia in sé una componente innata di violenza ed estremismo ha purtroppo travalicato anche gli studi e i pareri più convincenti.

È del resto complicato opporsi alla tendenza. Porre la questione della delegittimazione dello Stato Islamico come dell’Islam radicale sul piano dottrinale è inutile. Non per superiorità dei primi, ma per l’assenza di una figura in grado di decretare il vincitore della disputa. Del tutto fuori luogo poi la proposta di far scomunicare gli estremisti agli esponenti dell’Islam moderato: un’arma, quella della dichiarazione di miscredenza, utilizzata proprio dagli stessi militanti e con rischio di ripercussioni disastrose. In maniera analoga, affrontare la questione dal punto di vista ideologico non consente di raggiungere il piano dell’oggettività: anzi, ricondurre la lotta allo Stato Islamico all’ideologia significa abbassarsi a discutere con lo stesso registro, e quindi riconoscere la forma dell’argomento nemico.

Dimostrare come lo Stato Islamico non possa essere rappresentativo dell’Islam, per delegittimarlo in maniera consistente, è impossibile e probabilmente fuori luogo. Tuttavia, lo si può arginare dal mainstream islamico molto più di quanto non sia stato fatto e tale operazione non può che passare dall’uso di dati di fatto inequivocabili: l’affermazione empirica della varietà e della variabilità interna al mondo islamico. I suoi destinatari sono tanto gli estremisti quanto i persuasi dall’equazione “Islam uguale problema”.

Si tratta di valorizzare ed evidenziare il pluralismo delle pratiche confessionali islamiche, sottolineando come tutte abbiano elaborato forme teologiche che le pongono al centro della rivelazione, i loro modelli comportamentali resi coerenti con la sunna. La complessità interna del mondo islamico, spesso letta come un fattore di entropia e di animosità, deve diventare una risorsa. Si intenda bene: non è qualitativamente (e quindi dottrinalmente) che la pluralità trova i suoi argomenti migliori, ma quantitativamente. Dare uguale voce e spazio alle diversità significa riequilibrare le occasioni di rappresentanza e riempire quel vuoto istituzionale spesso vampirizzato dai gruppi estremisti. È dunque necessario dar conto delle innumerevoli interpretazioni religiose scaturite nel tempo per spiegare l’imprecisione ontologica della parola Islam quando preceduta dall’articolo il. L’Islam non può essere il nemico in quanto il vocabolo non fa riferimento ad alcuna realtà monistica.

Combattere la narrativa jihadista (anche quando da noi inconsciamente sostenuta) non vuol dire solo chiamare musulmani gli appartenenti alle più svariate comunità non tradizionali, ma anche dar risalto agli scontri interni al panorama salafita. Storicamente, è possibile affermare che buona parte delle congregazioni cosiddette eterodosse è nata con intenti sovversivi e ha subito nel tempo un processo di moderazione dottrinale. L’esperienza storica offerta dall’evoluzione di gruppi quali gli Ismailiti e gli Ibaditi è un bene strategico per la lotta al radicalismo anche e soprattutto in considerazione del loro precedente carattere estremista, che ha progressivamente lasciato spazio a una visione cosmopolita e aperta alla coesistenza confessionale.


Il teatro naturale per la realizzazione del progetto è l’Europa, non fosse altro che per motivi geopolitici che ne ostacolano l’attuazione nei paesi arabo-islamici. Il nascente Islam europeo dovrà  essere inclusivo e plurale, conscio ma non timoroso della sua complessità. Importante sarà anche indirizzare i giusti input governativi nel potenziamento e nell’istituzionalizzazione dei gruppi confessionali, nel promuovere attività formative in cui è esaltata la multidimensionalità religiosa.  

giovedì 28 aprile 2016

[ARCHIVIO] Eulogia di Abu al-Mughirat al-Qahtani: traduzione commentata

Abu al-Mughirah al-Qahtani nel carcere di Abu Ghraib, Iraq.


Ho deciso di tradurre e commentare l’eulogia di un personaggio di primaria importanza dello Stato Islamico: Abu al-Mughirat al-Qahtani. Il file originale è visualizzabile a questo link (uscito a gennaio 2016). Qahtani (anche conosciuto come Abu Nabil al-Anbari) è stato parte dello Stato Islamico sin dalla prima ora in Iraq, e ha guidato il distaccamento libico dell’organizzazione sino a Novembre 2015, quando un raid franco-americano lo colpì. La rilevanza della sua figura per l’Italia è fondamentale.


 Parole di cordoglio per Nabil[1]/Abu al-Mughirat al-Qahtani.

Qualora ti giunga notizia di un mujahid che ha combattuto lotte e perdizione, per poi essere fatto prigioniero e venir ammanettato, ma la sua tenacia era più solida di barre d’acciaio.. [sappi che] una volta liberato scelse la stessa strada che prese la prima volta: “assalto ed efferatezza”[2], ogniqualvolta vi siano battaglie e odore di morte. Più tardi si rintanò nel silenzio, lasciò alla sua spada il [compito di] raccontare il pomposo racconto che di nulla tiene conto, se non dello spargimento di sangue e del taglio di teste.

Poi [venne] la maestosità della sua influenza. 
Non era abbastanza per lui il torrente di sangue che causò ai danni di sciiti[3], apostati e crociati in Iraq. Si affidò all’eccellenza della morte, che lo portò in Libia, presso i nemici del suo Signore: lì vi erano oltraggiosi progetti in competizione fra loro. Lì, su quella generosa terra, piantò l’asta del Califfato e issò la bandiera dello Stato Islamico, svolazzante molto più in alto dei cumuli di quei maligni progetti.

Qualora sentirai [parlare] di tutto ciò, tornerà qui la tua memoria. Sei in presenza della biografia dell’emiro[4] Abu al-Mughirat al-Qahtani.

Egli è il generoso, nobile, sprezzante e stoico [uomo] che l’America e i suoi alleati rifiutarono di incontrare sul campo per mezzo dei loro tramiti. Si rifugiarono nel loro classico metodo [che adottano] quando hanno timore: lo bombardarono dall’alto, così egli [morì e] salì in cielo.[5]

Questo è Abu al-Mughirat, o se preferite chiamatelo Abu Yazin al-Himyari[6]: questa è la kunya con cui sosteneva il nostro stato dalla prigione di Abu Ghraib. Sì, la prigione di Abu Ghraib. Il nostro rapace si diplomò alla scuola di Abu Ghraib, e visse la gioia della fuga da essa, poiché fu più tardi fra coloro che ne uscirono. Nonostante le avversità attraverso cui passò ad Abu Ghraib, intraprese il gravoso compito di sopportare tutto ciò in nome del sostegno al suo stato.

Si unì al jihad sin dall’inizio dell’occupazione americana, e non smise di combattere i nemici di Dio fino a che non fu catturato nel 2008 a Baghdad. Lì mise a nudo il suo petto pieno di fermezza, esponendolo alle onde dell’afflizione [sofferte] in prigionia, sino a che Dio non lo liberò dopo circa un anno e mezzo. Più tardi tornò un’altra volta ai teatri del conflitto, amore a cui diede da bere il suo cuore.

Non passò molto prima che venisse imprigionato un’altra volta. Combattimento e jihad erano un intermezzo fra diverse detenzioni, per le quali doveva sistemarsi ad Abu Ghraib, [carcere] di cattiva reputazione. Poi venne il giorno promesso: il giorno dell’abbattimento delle mura e della liberazione dei prigionieri, [7] ed era egli senza pari fra i detenuti.

Uscì come un leone errante, allo stesso modo in cui era entrato. Fermezza e vigore in opposizione agli stormi del vizio: si diresse immediatamente verso i teatri dello scontro. La detenzione altro non fece che invigorirlo, renderlo più tenace e perseverante (proprio come la legna rende il fuoco più vivo).
Nel periodo seguente fu nominato governatore di Salah al-Din, e prima era già stato governatore di un’altra provincia.[8]

Vi sono mostrate le epiche gesta di Salah al-Din nel giorno della conquista, vi è stato dato di vedere il comandante della battaglia di Samarra[9]: egli è Abu al-Mughirat, capo di quelle nobili guerre.

Più avanti, quando lo Stato valutò di espandersi in Libia, inviò il suo cavaliere Abu al-Mughirat con la sua spada lucente affinchè fondasse la struttura del Califfato lì, e creasse il nucleo dell’esercito di coloro che conquisteranno Roma e l’Europa. Andò lì, pose le fondamenta e mise le basi. Poi marciò con i suoi soldati in tutta forza e vigore verso l’espansione a destra e sinistra, con lo scopo di imporre la religione di Dio nella sua interezza.

Questo, in breve, è Abu al-Mughirat. Jihad e poi imprigionamento. Poi ancora jihad, operazioni e imprigionamento. Poi jihad, espansione, disposizione e consolidamento delle fondamenta. Poi Dio provvide a dargli ciò in cui egli sperava e per il quale si applicava: l’uccisione sul sentiero verso Dio. Questo è quanto riconosciamo.
In tutto ciò sono stato onorato. La possibilità di conoscerlo è per me una corona che egli mi ha posto sul capo. E se vuoi saperne di più, rivolgi l’attenzione all’epica battaglia di Bin Jawad: essa ha avuto l’onore di venir registrata con il suo nome.[10] La nostra gratitudine e lealtà [va] all’uomo delle battaglie, autore delle campagne militari.

Ora ci avviamo alla conclusione:
[Egli] contribuì alla fondazione del jihad nella terra dei due fiumi,[11] contribuì alla creazione dello Stato Islamico, contribuì all’espansione dello Stato Islamico e all’istituzione del Califfato. Guidò la sua espansione in Nord Africa.
Che Dio abbia misericordia di te, oh nobile ed egregio, [uomo] generoso che nulla bramava per sé. Hai reso onorata la terra in cui si versò il tuo sangue, e Dio ti ha fatto il piacere di posizionarti a fianco di coloro i quali hanno condotto le grandiose campagne e hanno costituito un Califfato seguendo la metodologia dei profeti.
[Sopraggiunga] la pace, amico mio, sul tuo spirito [che sta] fra coloro che sono diventati immortali.

Scritto da Ibn al-Sadiqa.



[1] Nabil vuol dire nobile, ma è anche parte del suo nome: Abu Nabil al-Anbari.
[2] L’espressione araba è un’allitterazione: Ta’an wa Ta’aan.
[3] Il termine utilizzato è rafida, letteralmente coloro che rifiutano (la vera fede).
[4] Amir vuol dire anche comandante.
[5] Qui per dire: rifiutando gli americani di incontrarlo via terra, Qahtani salì in cielo (morendo) per misurarsi con gli occidentali, anch’essi in cielo (con gli aerei).
[6] Gli Himyari sono membri di una tribù sud-arabica, da cui si originarono i Qahtani.
[7] Eventi avvenuti a giugno 2013.
[8] Qahtani era a capo della Wilayat al-Falluja, prima ancora che della WIlayat Salah al-Din.
[9] Eventi avvenuti a maggio 2014.
[10] Eventi avvenuti a gennaio 2015 (Ghazwah Abu al-Mughirat al-Qahtani, operazione dello Stato Islamico in Libia per la conquista di Bin Jawad).
[11] La Mesopotamia. Lo Stato Islamico, ai tempi cui si fa riferimento, era per l’appunto al-Qa’da nella terra dei due fiumi.

venerdì 22 aprile 2016

[BASIC] Jihadistan in the news

In questa pagina si trova un elenco dei rimandi alle interviste condotte all'autore di Jihadistan.
Sono qui inseriti unicamente quegli articoli e fonti primarie in cui l'autore di Jihadistan è stato direttamente interpellato dal giornalista.
Pezzi che citano, traducono, riprendono o rimandano a lavori dell'autore non sono menzionati.

Tutti le interviste dell'autore rilasciate sino a gennaio 2016 sono state inserite in appositi post su questo sito, rintracciabili con l'etichetta "contributo" o "intervento". A partire da marzo 2016, i rimandi saranno tendenzialmente inseriti solo qui. Il post è in aggiornamento continuo.

STAMPA

Laura Cesaretti, The Curious, Quiet Success of Italian Counter-Terrorism, War Is Boring, April 8, 2017.

Emanuele Rossi, Che cosa cela la rivendicazione Isis in italiano dell'attentato a Londra, Formiche, March 24, 2017.

Aidan Lewis, Islamic State looks to regroup in Libya after losing Sirte, Reuters, December 9, 2016.

Daniele Raineri, In Libia l'Isis resiste, Il Foglio, August 22, 2016.

Aidan Lewis, Libya's jihadist challenge to last beyond Sirte defeat, Reuters, August 19, 2016.

Marta Serafini, Mattarella, Renzi, Gentiloni: la propaganda di Isis sempre più focalizzata sull'Italia, Il Corriere della Sera, August 10, 2016.

Marta Serafini, Coltelli, Gif e canali Telegram: viaggio nella rete dell’Isis, Il Corriere della Sera, July 26, 2016.

Imad Stitou, L’histoire de la cellule jihadiste marocaine qui voulait terroriser l’Italie, Le Desk, April 29, 2016.

Marta Serafini, Isis e le reti italiane del reclutamento, Il Corriere della Sera, April 13, 2016.

Marta Serafini, Il regista del video di Isis su Bruxelles scarcerato dall'Italia nel 2012, Il Corriere della Sera, March 31, 2016.

Daniele Raineri, Chi è il saudita che adesso guiderà lo Stato Islamico in Libia, Il Foglio, March 9, 2016.

Eleonora Vio, Italian Foreign Fighters, VITA nonprofit, January 20, 2016.


Davide Maria De Luca, In Libia siamo vicini a un accordo, Il Post, September 14, 2015.

Davide Maria De Luca, Dentro la musica dello Stato Islamico, Rolling Stone, April 22, 2015.

Maria Elena Tanca, Isis, come funziona il sistema giuridico, Lettera43, April 22, 2015.


Giordano Stabile, Isis, nuove minacce all’Italia “Vi colpiranno i lupi solitari”, La Stampa, February 24, 2015.

Chiara Rizzo, Anche in Italia i jihadisti reclutano sul web. «Molti partono per trovare moglie», Tempi, February 15, 2015.


RADIO

Piazza InBlu, min. 15.10, Radio InBlu, April 29, 2016.

venerdì 8 aprile 2016

[INFOGRAPHICS] The chain of command of the Islamic State in Libya: an operational chart.


Some of the most prominent figures of the Islamic State in Libya. Click to see our work.

During the last month Italian journalist Daniele Raineri and I worked extensively on data collection from open and private sources, in an attempt to track down the chain of command of the Islamic State in Libya (mainly Wilayah Barqah and Wilayah Tarabulus).

We started to gather data using news, research, analyses, islamist publications and SOCMINT as basic references; subsequently we compared raw data, assessing and discarding conflicting info, testing our sources, submitting our results to forces on the ground in Libya and elsewhere (from different factions).

Our first sketch of the operational chart was written in Arabic and it was thought to be reviewed and assessed by Libyan and Maghrebi observers, researchers and analysts.
You will find a copy of our first sketch in Arabic here. 

Eventually, yesterday we published an up-to-date and fully-reviewed version of our chart in English.

A preview of the chain of command of the Islamic State in Libya



As things in Libya are moving quite fast, hopefully we will keep updating our chart.
You will find in this page info and notices everytime an updating comes out.



DECEMBER 15, 2016

We published a new chart: "What remains of the Libyan Islamic State". It gives a view of the holdover network of the Libyan Islamic State after the loss of Sirte. Please note that the chart is in Arabic only, by now.


Click on the following picture to download our new chart.

The Holdover Network of the Libyan Islamic State after Sirte

mercoledì 2 marzo 2016

[LIBRO] Il Marketing del Terrore


La copertina de "Il marketing del terrore".

Segnalo l'uscita del libro Il marketing del terrore, versione aggiornata e rivista del rapporto ISPI Twitter e Jihad: la comunicazione dell'ISIS (uscito l'anno scorso).

All'interno è presente un capitolo scritto da me e Lorenzo Vidino, dal titolo Califfato, social e sciami in Europa. Puoi leggerne una versione non aggiornata (dal vecchio rapporto ISPI) qui (anche in lingua inglese qui).

Il libro è acquistabile in tutte le librerie italiane, oltre che online in versione e-book. Puoi leggerne alcuni passi gratuitamente via Google Books.

martedì 23 febbraio 2016

[FLASH] Partecipazione a tavola rotonda su Terrorismo Islamico

La locandina dell'evento
Segnalo che in data 28 febbraio 2016, a Palazzolo sull'Oglio (BS), presso la biblioteca G.U. Lanfranchi, si terrà alle ore 17.30 una conferenza a tema terrorismo islamico cui prenderò parte come relatore.
Per ogni ulteriore informazione, rimando direttamente al sito dell'evento, organizzato dall'Associazione Argonauti.


Colgo l'occasione del post per ringraziare, in ritardo, l'Associazione Carla Crippa e il Teatro San Rocco di Seregno (MB) per avermi ospitato in data 3 febbraio a parlare di movimenti islamisti nel Maghreb e fascia sahiliana.

giovedì 21 gennaio 2016

[FLASH] Foreign Fighters Italiani (contributo)

In data 20 gennaio 2016 è uscita una mia intervista, rilasciata al magazine Vita, visualizzabile al link di seguito.

Eleonora Vio, Italian Foreign Fighters, Vita, 20 gennaio 2016.

Il mio contributo è sul tema dei foreign fighters italiani: più in generale procedure di reclutamento, radicalizzazione, terrorismo home-grown e programmi di deradicalizzazione.

sabato 16 gennaio 2016

[FLASH] Iran e Arabia Saudita: cosa è cambiato

Riporto qui la mia parte di uno speciale del Caffè Geopolitico, uscito l'11 gennaio 2016, che analizza lo stato attuale della tensione fra Iran e Arabia Saudita. Clicca qui per leggere l'hot-spot intero.

Avolte capita che portiamo a spasso con il guinzaglio cani talmente vivaci che finiscono per essere loro a tirare noi, ed è più o meno questo quello che sta succedendo oggi agli shaykh sauditi e agli ulama iraniani. Che fra i due Paesi sia in corso una guerra fredda è notizia vecchia; ma guai a pensare che questa ne sia solo l’ennesima manifestazione copia-incolla. La novità, qualitativamente sostanziale, è che ora la situazione è totalmente sfuggita di mano agli stessi protagonisti, che da un lato devono fare la voce grossa e salvare la faccia davanti ai loro fan politici, dall’altro dissimulano, calcolano attentamente le mosse e tengono il conflitto sul filo della latenza. Ma il passo falso è già stato fatto.

Diversi commentatori arabi hanno sottolineato come l’assassinio di al-Nimr vada letto in chiave vendicativa dell’uccisione di Zahran Alloush, ex-leader di Jaysh al-Islam, un esercito di ribelli che opera nei pressi di Damasco ed è a libro paga saudita. Alloush era anche un sostenitore della disastrosa conferenza di Riyadh per la risoluzione del conflitto siriano, terminata con un nulla di fatto e un ridimensionamento del ruolo saudita. Se non bastasse questo a mostrare che i Frankenstein del Golfo hanno imparato a controllare i loro creatori, è sufficiente ponderare il peso specifico che le varie milizie sciite del Libano, Bahrain, Iraq e Siria hanno avuto nell’escalation degli avvenimenti, sin dalle prime ore della rinvigorita crisi. In termini economici, i due Paesi sono tornati alla realtà capendo di essere non solo share-holder, ma anche stake-holder delle loro insofferenze regionali. Quello che paradossalmente ora può succedere è che il conflitto, venendo a galla, permetta di uscire dal torpore dei proxy e renda più definiti i fronti dell’ostilità.

Del resto già il Siraq, teatro delle maschere per eccellenza, è diventato qualcosa di altro da sé: mediaticamente monopolizzato dall’asettico Stato Islamico, sta andando verso la cristallizzazione e potrebbe ormai evolvere in una guerra di usura, dove a spuntarla è semplicemente chi dura di più. E di sicuro così sarà se lo scontro iraniano-saudita dovesse proseguire a viso aperto. Intanto, come in un romanzo rosa, fuori dal Golfo una serie di pretendenti lottano per assicurarsi la mano delle due prime donne. Da un lato l’uomo che non deve chiedere mai: l’Egitto, che fa il distratto, tutto assorto nei problemi di ordine interno e rabbuiato dalla crisi libica, ma che di fatto non può permettersi di perdere il sostegno saudita e potrebbe presto sviluppare gelosie verso la libertina Turchia, che scaltra tiene il piede in due scarpe: flirta con i sauditi sulla questione siriana, ma dipende dall’Iran in chiave energetica (nonché di aggiustamento degli equilibri interni). E poi il ravveduto Sudan, che dopo anni di love-story con Teheran ha deciso di correre dietro a Riyadh, ed è disposto a tutto pur di assicurarsene la fiducia. Forse, persino a troppo. Non dimentichiamo che per anni il paese è stato un laboratorio di Islam politico e safe-haven di organizzazioni terroristiche: il pericolo è che le vecchie cattive abitudini non siano perse.

Assetti ben diversi, quindi. Meno fronzoli, più hard politics. Ma soprattutto più auto-coscienza: il tempo della brinkmanship, delle manovre a cuor leggero e dell’iperattività diplomatica è finito, entrambi i Paesi hanno capito che le loro mosse subiscono riverberi incontrollabili. Anche per questo motivo sono entrambi incentivati a cercare la quiete. L’Iran, soprattutto, ha la fetta maggiore di interessi nel calmare le acque, magari intrappolando nella ragnatela della mediazione anche Washington e Mosca, a suggello della propria egemonia resa legittima dai “grandi”. Più complicata la situazione per Riyadh, che non ha mai vissuto un minimo storico di tale intensità: tanto che la ricerca della serenità regionale sembrerebbe una resa più che un successo.

Gli sviluppi dei prossimi giorni sono fondamentali per capire che tiro avrà il 2016 mediorientale.

lunedì 4 gennaio 2016

[ANALISI] È possibile comprendere il jihadismo informale?

Riporto di seguito un articolo che ho pubblicato per il numero di gennaio 2016 della rivista Formiche*, in cui cerco di spiegare come il pericolo delle "schegge impazzite" sia di fatto sistematizzabile, seppur tale operazione possa non essere pienamente utile.

La copertina di Formiche, gennaio 2016.

È possibile comprendere il jihadismo informale?

Alle porte del 2016 ogni dipartimento di sicurezza e agenzia di informazione ha digerito la nuova nozione di rischio terroristico per la quale il pericolo – non più circoscrivibile alle operazioni direttamente demandate da gruppi che hanno sposato l’uso della violenza – è anche rappresentato da soggetti che, in seguito a un’esposizione alla subcultura jihadista e a una fanatizzazione ideologica, autonomamente si attivano e ricorrono alla forza. La loro azione è spesso descritta come imprevedibile, oscura, persino irrazionale. Quasi rinunciando a una comprensione del comportamento dei gruppi informali, ossia di quei collettivi nati dal basso in cui si ritrovano individui in corso di o dalla piena radicalizzazione, si tende a privilegiare lo studio e la repressione di altre cellule – pur autoctone ma più organizzate – che hanno sviluppato diverse forme di contributo relativamente alla galassia fondamentalista globale.

In queste righe si cerca di dimostrare che anche il jihadismo spontaneo, nelle sue fasi antecedenti ai momenti di contatto con gruppi convenzionali, può essere sistematicamente studiato tramite routine comportamentali e cognitive. Il sottobosco islamista italiano ed europeo, infatti, presenta alcune falsarighe indicanti il grado di maturità delle singole situazioni considerate. Per cogliere gli attributi delle varie realtà nostrane è utile immaginare uno sciame. Gli aspiranti jihadisti, infatti, raramente rimangono isolati dal resto dell’ambiente, tendendo invece a stabilire legami quantomeno conoscitivi con i loro affini. Pertanto è utile individuare, all’interno di un insieme di radicalizzati, alcuni sciami tramite cui identificare traiettorie di volo comuni.

Gli sciami di volatili sono privi di un capo, ma una variazione nel volo di un singolo elemento può essere imitata dagli altri. Allo stesso modo i proto­gruppi jihadisti, seppur non abbiano un leader, presentano attività, idee e comportamenti che risultano plasmati da pochi individui dotati di sufficiente influenza per modificare la direzione operativa del proprio collettivo. Questo è soprattutto visibile online: relativamente all’ambito italiano, più legato a Facebook che a Twitter, a differenza di quanto accade in alcuni Paesi nordeuropei, sono ben osservabili utenti il cui maggiore peso specifico li rende poli di attrazione e fonti di solennità rispetto alla loro cerchia di amici. Sfruttando la loro posizione privilegiata, questi individui assicurano la coesione del collettivo, ne definiscono l’orientamento e i contenuti mediatici, eliminano eventuali oppositori e mettono in atto dei meccanismi di autocontrollo per sviare l’attenzione delle autorità, ad esempio ostacolando la diffusione di alcuni materiali, richiedendo conversazioni private, e così via.

I proto­gruppi hanno ottime abilità nell’organizzare eventi, quali sessioni di proselitismo in piazza (la cosiddetta street da‘wa), incontri dottrinali o raccolte di fondi. Questo accade perché gli sciami più coesi si coordinano in tempi rapidi, potendo contare su un forte attaccamento alla causa e a un amichevole sostegno reciproco. Inoltre, non esistendo figure leader, i membri degli sciami godono di una certa libertà: raramente la proposta di un’iniziativa conosce richiesta (o negazione) di permesso. Pertanto si raggiungono elevate adesioni in tempi relativamente brevi.

Tuttavia, un membro può venire escluso in via di fatto dal suo sciame, avendo perso credibilità o avendo manifestato idee fuori dal coro. In questo senso gli sciami presentano una struttura altamente flessibile, in grado di adattarsi di volta in volta alle mutazioni della propria membership. Internamente, questi sono in grado di rimpiazzare assenze, escludere componenti non graditi o chiudersi al resto dell’ambiente. Esternamente, gli sciami assumono la forma più adatta rispetto alle condizioni del sistema che li ospita, mantenendo come primo obiettivo un basso profilo.

Dentro ogni sciame è possibile riconoscere ulteriori ristretti e affiatati circoli, a più alta densità di connessioni rispetto alla media dello sciame. Questi sono composti da individui che condividono amicizie e visioni ideologiche o hanno legami territoriali. A livello di circoli le interazioni e le attività svolte sono maggiori che nel resto dello sciame: per questo può capitare che due circoli appartenenti a diversi sciami collidano, andando così a definire entità superiori e ampliando il capitale umano dei gruppi. Può anche succedere che due circoli, venendo in contatto, generino conflitti. Il panorama islamista italiano, per dare un’idea di massima, presenta alcuni casi di frattura fra le realtà ascrivibili all’orizzonte ideologico di impostazione Ikhwan – vicini ai metodi dei Fratelli musulmani – e gli sciami hardliner – direttamente sostenitori di gruppi jihadisti – così come fra difensori di un salafismo classico e gruppi di ispirazione Deobandi. Non mancano, comunque, casi di individui che fungono da anello di congiunzione fra le varie esperienze islamiste nostrane.

Può capitare che gli sciami riescano a mettersi in contatto con gruppi islamisti formali. In alcuni casi questo può avvenire tramite i foreign fighter, che una volta raggiunto il gruppo di destinazione restano in contatto con il proprio circolo di provenienza. Se da un lato ciò aumenta il rischio attentati, poiché coordinati con l’appoggio del network di aggancio, dall’altro permette alle agenzie di sicurezza di collezionare intelligence e avere basi di studio più solide e battute in passato.

La peggiore delle situazioni, infatti, non è più rappresentata dal collegamento fra cellule spontanee e convenzionali, ma dalla fusione dei due livelli. Una sorta di realtà ibrida, in cui il jihadismo formale e quello informale si mescolano grazie alla semplicità con cui è possibile passare dal secondo al primo. Lo Stato islamico, rinnovando radicalmente il modello di reclutamento, permette a chiunque dia la propria fedeltà al Califfo di agire potenzialmente in nome di esso, e da questo essere riconosciuto. In tal senso, la buona riuscita delle operazioni messe in atto dalle autorità nel combattere il fenomeno jihadista non può più semplicemente passare dal riconoscimento del pericolo sul livello formale e dalla prevenzione sul livello informale, ma dovrà fare i conti con la ricerca di una soluzione comunicativa in grado di scollare l’immateriale – oltre che effettivo – tessuto connettivo che lega sottobosco e costellazione islamista.


* Per il sito web, Formiche ha intitolato questo articolo Come agiscono i terroristi Isis, mentre per la rivista il titolo è Dentro uno sciame islamista (pp.24-25).

domenica 3 gennaio 2016

[BASIC] About - Transparency - Regole di Ingaggio

A oltre un anno dall’apertura di Jihadistan, che con il tempo è andato assumendo forma e contenuto sempre più eterogeneo, e attirando un bacino di utenza maggiore mese dopo mese, ritengo necessario gettare nero su bianco alcune importanti nozioni in modo tale da ridefinire scopo, natura, regole di utilizzo e concetto funzionale di questo sito.


ABOUT – TRANSPARENCY – RULES OF ENGAGEMENT


Cosa:

Jihadistan è pensato come un archivio polifunzionale a scopo accademico.

Il sito ospita una grande varietà di contenuti. Vi si possono trovare:

- Materiali emanati dal (proto-)jihadismo italiano ed europeo, qui archiviati e in alcuni casi tradotti;

- Articoli pensati esclusivamente per Jihadistan: generalmente analisi, chiarimenti e argomentazioni;

- Articoli, analisi, report, interventi appartenenti all’autore di Jihadistan ma rilasciati a terzi e qui riproposti (a volte solo parzialmente) con il loro permesso;

- Rimandi a lavori per terzi dell’autore di Jihadistan, qui non riproponibili per motivi di lunghezza, linguaggio informatico o copyright (generalmente capitoli di libri, paper, e-book, articoli a pagamento, analisi private, interviste, presentazioni);

- Riferimenti a eventi pubblici cui partecipa l’autore di Jihadistan (conferenze, presentazioni);

In nessun caso, su Jihadistan, si troveranno materiali o rimandi a lavori cui l’autore non ha contribuito. 
Naturalmente, diversi contenuti qui archiviati nascono dal lavoro di più persone (soprattutto paper e libri).


Come:

Jihadistan è frutto del lavoro di una sola persona. Pertanto, nonostante l’impegno e la dedizione, è possibile trovare errori e manchevolezze sia sul piano della forma (font diversi, righe sfalsate, parole trascritte in maniera disomogenea) che del contenuto (link scaduti, video rimossi). Periodicamente l’autore cerca di riportare tutto in ordine. Se noti qualcosa che non va, puoi contattarlo utilizzando il rimando all’e-mail dell’autore sulla colonna destra del sito.

Seppur goda di capacità limitate, Jihadistan non è in cerca di collaboratori.

Per una migliore e più completa visione del sito, si consiglia di evitare la versione mobile.

Per addentrarsi all’interno del sito, ritengo utili tre strumenti:

1.      La funzione “Cerca nel blog” – adatta a ricerche qualitative: inserendo una parola chiave (per esempio: Jabhat al-Nusra) vengono mostrate tutte le pagine all’interno delle quali è presente tale parola. Nota bene: seppur la ricerca goda di una certa capacità di varianza rispetto alla entry originale (Jabhat al-Nusra, Jabhat al Nusra, Jabhatul Nusra) è sempre meglio assicurarsi che vengano rispettate alcune regole di grafia predilette dall’autore. Consulta quindi le regole di traslitterazione.

2.      L’utilizzo delle etichette fra parentesi quadre: [ETICHETTA].
Queste servono ad inquadrare formalmente il tipo di contenuto, in modo tale che se si stia cercando un report, si eviti di leggere una analisi. È chiaro che un certo grado di mescolanza fra le varie forme è da considerare sempre presente in quanto inevitabile. La funzione “Cerca nel blog”, quindi, può anche essere utilizzata con funzione quantitativa, inserendo come parola chiave una etichetta e vedendo così tutti i post afferenti a quell’area contenutistica. 

Le etichette utilizzate sono:
[BASIC]  - Per post contenenti informazioni utili all’uso e la comprensione del sito.
[REPORT] – Per contenuti di taglio giornalistico o elaborazioni delle notizie.
[ANALISI] o [ANALYSIS] – Per analisi, di taglio diverso in base al destinatario e allo scopo.
[ARCHIVIO] – Per materiale di stampo jihadista italiano ed europeo proposto su questo sito a scopo di studio e ricerca. Anche per traduzioni di materiale filo-jihadista effettuate dall'autore.
[INTERVISTA] – Per interviste realizzate dall’autore ad altri.*
[FLASH] – Per rimandi esterni a Jihadistan, ossia lavori dell’autore non riproponibili qui, o suoi interventi su testate esterne, o inviti a incontri pubblici.
[LIBRO] – Per rimandi a capitoli, libri, long-read ed e-book a cui ha lavorato l’autore.
[INFOGRAPHICS] - Per rappresentazioni grafiche, a prescindere dal taglio analitico/giornalistico.

Di nuovo, l’uso di queste etichette non è perfetto. Contenuti archivistici sono riscontrabili nelle analisi, come report  notiziari sono riscontrabili in flash esterni. Per esempio, in questo post è presente un’analisi operativa sull’intervento italiano in Libia, ma poiché facente parte di una long-read, è etichettata come [LIBRO].

* Nota bene: utilizza le parole “contributo” e “intervento” ( e relativi plurali), all’interno della maschera di ricerca, per avere invece rimandi a interviste realizzate da terzi all’autore. O più semplicemente guarda "Jihadistan in the news".

3.      La consultazione del glossario base – che verrà migliorato ed ampliato presto – e delle già citate norme di traslitterazione (non vincolanti, ma preferite dall’autore, quantomeno per i contenuti esclusivi a Jihadistan).

Chi:

Jihadistan è stato fondato e viene gestito unicamente da Marco Arnaboldi. L’autore è uno studente di Scienze Politiche, presso l’Università Cattolica di Milano. È laureato in lingua araba (Relazioni Internazionali), presso lo stesso Ateneo. Ha studiato e vissuto in Spagna, Egitto, Terra Santa. Alla formazione abbina l’attività di ricerca, analisi e giornalismo, dal Medio Oriente e dall’Italia. Ha lavorato e collabora con diversi centri di ricerca, agenzie di analisi e testate (ISPI, Fondazione Oasis, Corriere della Sera, Caffè Geopolitico, Hozint, Formiche, Rainews24, e molti altri). Per questo motivo Jihadistan ospita una forte varietà di contenuti, a volte solo parzialmente riproponibili.

L’autore può essere contattato tramite e-mail, seguendo il link sulla colonna destra del sito (per richieste, ingaggi, curriculum, chiarimenti).

Non c’è vergogna nel dire che Jihadistan è cresciuto qualitativamente insieme al suo autore. I primi post, che propongono materiali scritti due anni fa, sono necessariamente privi di un’ampiezza analitica che sta andando formandosi con il tempo. In linea con lo spirito archivistico di Jihadistan, non rimuovo né modifico, seppur non sia più d’accordo in alcuni casi con mie precedenti valutazioni, le più vecchie analisi.


Per chi:

L’obiettivo primario di Jihadistan è di fornire strumenti di valutazione sull’Islam Politico. Ad ogni modo, con l’aumentare delle esperienze lavorative e delle richieste di analisi, Jihadistan include anche materiali che esulano dal solo Islam Politico, abbracciando in generale temi storico-socio-politici afferenti il Nord Africa e il Levante, oltre che i rapporti fra Europa e tali aree.

Pertanto, Jihadistan non ha un destinatario unico. Ricercatori, esperti, studenti e giornalisti rimangono comunque, per evidenza empirica, i primari fruitori del sito.

Seppur il linguaggio dell’autore cerchi di essere il più possibile accessibile anche all’infuori di tali fasce, più spesso sono le regole di ingaggio esterne a dettare le modalità di espressione dell’autore. Qui, naturalmente, gli articoli vengono riproposti senza poterli alterare.

E’ possibile, per i lettori, riproporre i materiali di Jihadistan esternamente, ma citando e linkando sempre la fonte. Jihadistan, infatti, è protetto da licenza Creative Commons 4.0. (attribuzione internazionale, 2014 - 2016).


Regole d’ingaggio:

In generale, sono disponibile a valutare interventi, contributi e lavori con terzi.
Di seguito riporto alcune regole minime per una reciproca soddisfazione ed evitare spiacevoli inconvenienti.

Per ogni tipo di lavoro esterno, richiedo che mi sia comunicata sempre ogni alterazione che viene apportata al mio contributo scritto/orale. In ogni caso, prima di una pubblicazione, voglio avere una bozza di quanto verrà emanato.

Ci tengo a fare chiaro che sono indipendente: non ho affiliazioni fisse e, all’infuori dei periodi di impegno universitario, sono itinerante. Pertanto, è inesatto che venga citato come *ricercatore di un istituto*, ma piuttosto *collaboratore di un istituto*, o meglio *ricercatore di un singolo progetto* o *autore di un singolo libro*. Una più solida affiliazione è quella con il Caffè Geopolitico: se non comunico affiliazioni, una carica utlizzabile per citazioni è *analista del Caffè Geopolitico*.